SCUOLA NAZIONALE DI “NATUROPATIA” QUALI ALTERNATIVE ALLO ZUCCHERO PER UNA SALUTE MIGLIORE?

Con il nostro corso di “alimentazione naturale” nelle sedi di “Conegliano”, in provincia di “Treviso” e “Mestre”, in provincia di “Venezia”, imparerete che lo zucchero viene regolarmente accusato di essere all’origine di numerose patologie. Con la nostra “formazione olistica” imparerete anche voi che è il momento di detronizzarlo dal suo posto d’onore nei vostri piatti (e nei vostri cuori) per sostituirlo con gli “Zuccheri Buoni”. Ecco una lista -non esaustiva- delle alternative ritenute più sane dalla medicina convenzionale e non convenzionale.

“Se 200-300 anni fa i nostri antenati consumavano circa 2 kg di zucchero a testa all’anno, oggi un occidentale ne consuma in media 46 kg”, si legge nell’opera “Raclette e broccoli: guida pratica per smetterla con le diete e il senso di colpa”, uscito per le edizioni First.

Considerato una “droga”, lo zucchero oggi è il nemico pubblico numero uno della nostra cucina. Diabete, malattie cardiovascolari, carie, obesità, steatoepatite non alcolica (NASH)… La lista degli effetti negativi per la salute non smette di allungarsi mentre la nostra propensione a scegliere prodotti che ne sono pieni aumenta. Problema: lo zucchero oggi si nasconde ovunque! La soluzione? Limitare i danni passando agli “zuccheri buoni” (da consumarsi comunque con moderazione), alternative naturali più sane.

QUALI ALTERNATIVE ALLO ZUCCHERO?

  • La panela

Che cos’è? Succo di canna seccato e filtrato non raffinato (di origine sud-americana)

I benefici: è ricco di minerali, vitamine (B3, B5, B6, B9) e amminoacidi.

Come si usa? Si aggiunge nella preparazione dei dolci o si spolverizza sullo yogurt, il caffè, la frutta…

  • Lo sciroppo d’acero

Che cos’è? Si tratta della linfa concentrata dell’acero, un albero che si trova principalmente nelle foreste canadesi.

I benefici: contiene antiossidanti, vitamine, calcio e magnesio.

Come si usa? È uno zucchero liquido, quindi si può “far colare” sulle crepes, i pancake o le cialde. È perfetto per zuccherare un formaggio bianco.

  • Lo zucchero di cocco

Che cos’è? Deriva dalla linfa dei fiori della palma da cocco.

I benefici: il suo punto forte è l’indice glicemico basso (35). È molto ricco di antiossidanti, minerali e amminoacidi

Come si usa? Come lo zucchero bianco in polvere, si usa per preparare dolci e per zuccherare yogurt e crepes.

  • Il miele

Che cos’è? Uno zucchero naturale prodotto dalle api.

I benefici: ricco di oligoelementi, ha un potere zuccherante superiore a quello dello zucchero. Ma attenzione, per beneficiare di tutte le proprietà salutari del miele, evitare di scaldarlo!

Come si usa? Si può includere in tutte le ricette, aggiungerlo alle bevande o mischiarlo allo yogurt.

  • La stevia

Che cos’è? È un edulcolorante naturale al gusto di liquerizia estratto da una pianta del sud America che assomiglia a un’ortica.

I suoi benefici: il suo potere zuccherante è 300 volte più elevato di quello del saccarosio e non apporta nessuna caloria.

Come si usa? Si versa nel the o nell’infuso.

E LO SCIROPPO D’AGAVE?

Da alcuni anni troneggia sugli scaffali dei supermercati. In realtà non è una buona alternativa come sembra. Infatti l’agave è un prodotto trasformato a partire dai materiali di scarto della tequila che viene bollito ad alta temperatura per estrarne lo sciroppo. Ricco di fruttosio, uno zucchero che stimola l’appetito perché inibisce l’ormone della sazietà e si trasforma più velocemente in grasso di riserva, non ha quindi un vero interesse nutrizionale.

Siete interessati a iscrivervi ai nostri corsi di alimentazione naturale oppure volete ricevere maggiori informazioni sui nostri percorsi olistici? Allora compilate il modulo di contatto posto a fine articolo oppure chiamateci ai numeri 0438 336730 (Conegliano) 041 962820 (Mestre).
In più seguiteci sulla nostra pagina Facebook per rimanere sempre aggiornati sulle nostre novità!

Scrivo alla sede di: ConeglianoMestre

LunedìMartedìMercoledìGiovedìVenerdìSabatoDomenica
8h-10h10h-12h14h-16h16h-18h18h-20h

ATTENZIONE: spuntare la casella per inviare la richiesta

Newsletter sino